Spedizione Italia GRATIS da € 59,00

Come togliere le macchie dal bucato

In questo articolo cercheremo di fornire alcune nozioni base su come togliere le macchie dal bucato in modo efficace. Parlando con i nostri clienti ci siamo accorti che spesso si procede per tentativi. E’ nostra consuetudine fare qualche domanda per capire quale prodotto consigliare, passaggio indispensabile per ottenere il risultato sperato.

Non tutte le macchie sono uguali

Non tutti conoscono questo aspetto. Alcune macchie vengono definite “acide” ed altre “grasse”. Riuscire ad individuarle è molto importante perchè vanno trattate in modo diverso.

Le macchie acide sono quelle come il caffè, la frutta, il vino, la ruggine, il sangue ma anche le macchie di sudore ormonale. Le macchie grasse sono quelle dove sono preseti, oli, burro, grassi, ma anche lo smog e la cenere rientrano in questo elenco.

Pretrattante o additivo ?

Il metodo più efficace per eliminare una macchia è sicuramente applicare il prodotto idoneo poco prima del lavaggio (circa 10 minuti). Andremo così ad agire direttamente sui punti critici con una maggiore probabilità di successo.

Gli additivi sono utili per avere un trattamento d’urto su tutto il bucato, come ad esempio quando si utilizza il percarbonato di sodio in aggiunta al proprio detersivo ad ogni lavaggio. In questo caso però il risultato sarà meno efficace sulle singole macchie, soprattutto se sono molto evidenti.

Acqua calda o acqua fredda ?

In linea di massima possiamo dire che le macchie acide non necessitano di temperature di lavaggio molto elevate. Consigliamo almeno i 40°C (ad esclusione dei capi in tessuti delicati) per poter rendere efficace l’ossigeno attivo, di cui parleremo a seguire.

Quando invece dobbiamo togliere sporco ostinato di origine grassa, sarebbe meglio alzare la temperatura di lavaggio per aiutare i tensioattivi del detergente con il calore, che scioglie meglio il grasso.

Ossigeno attivo

Di cosa si tratta ? Possiamo tradurre questo termine con “acqua ossigenata”. Questo principio attivo è caratterizzato da una blanda acidità che lo rende ottimo per eliminare appunto le macchie acide di cui abbiamo parlato prima. Attenzione soprattuto al sangue che deve essere assolutamente pretrattato a freddo. Purtroppo se laviamo capi con sangue ad alte temperature, la macchia si fisserà in modo quasi indelebile. Anche le macchie di ruggine vanno tolte con un principio attivo acido. Una ulteriore caratteristica dell’acqua ossigenata è quella di disinfettare. Diventa quindi ottima per eliminare batteri maleodoranti dai tessuti o le macchie di muffa.

L’ossigeno attivo lo puoi trovare negli spray pronti all’uso che puoi usare sia come pretrattate per i tessuti che come detergente disinfettante per le superfici. La percentuale di ossigeno attivo è sicura e non causerà altri danni al tuo bucato. Purtroppo si tratta di prodotti non ricaricabili alla spina per problemi legati alla produzione di ossigeno che gonfia i contenitori in plastica. Quello più gettonato è lo smacchiatore igienizzante Solara.

Sgrassatore

Ti sconsigliamo si usare gli sgrassatori per le pulizie sulle macchie unte perchè questo tipo di prodotto creerebbe troppa schiuma nella lavatrice. Gli spray pretrattanti sono formulati per non creare questo problema e sciogliere bene le macchie di origine grassa. Il più efficace dei prodotti disponibili in negozio è Prezym, uno smacchiatore professionale che ora puoi anche ricaricare alla spina in negozio. Prezym è un prodotto enzimatico che agisce in modo molto energico anche sulle macchie d’erba.

Per questo scopo possiamo anche usare delle saponette di Marsiglia sulla macchia umida, oppure lo smacchiatore solido in stick che contiene, oltre al sapone di Marsiglia, l’argilla di Sommieres. Questo tipo di argilla francese è famosa per essere in grado di assorbire un’importante quantità di grasso, rendendo l’effetto del sapone ancora più efficace. Ovviamente questo metodo evita l’acquisto di flaconi in plastica per un impatto ambientale praticamente nullo.

Il percarbonato di sodio

Questo famosissimo prodotto è lo smacchiatore per eccellenza perchè è l’unico che riunisce le caratteristiche adatte a rimuovere sia macchie acide che macchie grasse. Il percarbonato di sodio deve essere usato ad almeno 40°C per poter essere attivato. A questa temperatura il percarbonato si trasforma in acqua ossigenata (ottima per disinfettare e togliere macchie acide) e carbonato di sodio (ottimo per sgrassare e togliere i cattivi odori).

Si utilizza come additivo per tutti i lavaggi nella misura di un cucchiaio da minestra in aggiunta alla dose di detersivo. Per il lavaggio dei bianchi, possono essere usati anche due cucchiai per un effetto sbiancante più efficace.

Per pretrattare consigliamo un ammollo in acqua calda in una bacinella per 10 minuti. Attenzione a non usarlo su lana, lino e seta che non possono essere lavati con acqua calda. Per questi tessuti è bene procedere solo con i pretrattanti a freddo.

Speriamo di averti dato qualche consiglio utile per smacchiare correttamente il tuo bucato.

Buona Natura.

Scegli un altro argomento…

Categorie

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Scopri altri argomenti

Categorie

Articoli in evidenza

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Inoltre, questo sito installa Google Analytics nella versione 4 (GA4) con trasmissione di dati anonimi tramite proxy.
Prestando il consenso, l'invio dei dati sarà effettuato in maniera anonima, tutelando così la tua privacy.
LAngoloDiCaty_FavIcon-2.png
[]